Veneto

Migranti: vive nel degrado, ivoriano si rivolge alla Cedu

In Basilicata 20 in un casolare, senza servizi e fra i rifiuti

(ANSA) - MATERA, 05 OTT - Stanco delle "condizioni inumare e degradanti" nelle quali è costretto a vivere quando arriva in Basilicata per partecipare alla raccolta dei prodotti agricoli, un uomo di nazionalità ivoriana, di 30 anni, si è rivolto alla Corte europea dei diritti dell'uomo per chiedere la condanna dell'Italia in quanto "lede i diritti fondamentali come quello alla vita, alla salute, alla dignità". Lo si è appreso a Matera dall'avvocato Angela Bitonti, che rappresenta il ricorrente insieme a Sonia Sommacal del foro di Belluno: "E' la prima volta, in Basilicata - ha spiegato Bitonti - che un rifugiato politico chiama in causa un organo giurisdizionale internazionale come la Cedu".
    L'ivoriano, all'arrivo in Basilicata, trova rifugio in uno dei "casolari abbandonati e fatiscenti" della zona di Boreano, a Venosa (Potenza): le strutture ospitano fino a 20 migranti ciascuna, senza servizi e con rifiuti ovunque, mettendo a rischio la salute di chi vive nella zona. Secondo il ricorso alla Corte europea, la situazione dei migranti - per i quali quest'anno è stato aperto un centro di accoglienza a Palazzo San Gervasio (Potenza) - sono lesive della loro dignità umana.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie